Dino Campana


pubblicazione di Gino Gerola, introduzione di Sandro Gentili

edito da Edizioni Osiride nel 2013


Questo profilo di Dino Campana uscì nel 1955 nella prestigiosa "Biblioteca del Leonardo" dell'editore fiorentino Sansoni. Come scrive Sandro Gentili nell'introduzione, il libro di Gerola appare come opera conclusiva di un ciclo interpretativo che aveva visto come protagonisti alcuni dei maggiori critici italiani. "Nei primi dieci anni successivi all'ultimo conflitto mondiale, poveri nel complesso di studi campaniani anche perché ispirati all'idea della letteratura come militanza, a cui il poeta risultò inassoggettabile, la monografia di Gerola ha un punto di tutto rilievo: la sua medietas rappresenta un punto di equilibrio, l'onesto e intelligente compendio di quanto di meglio fino ad allora si fosse saputo raccogliere e dire sulla vita e sulla poesia di un personaggio isolato e controverso, a cui si era stentato a trovar posto nel casellario della nostra letteratura".

Una sintesi superata da nuove prospettive critiche e da ulteriori scavi nella biografia di Campana, ma ancora capace di fornire al lettore stimoli e suggestioni.

L'Accademia degli Agiati e l'editore Osiride avviano con questo volume una piccola collana dedicata alla rivisitazione dell'opera di Gino Gerola, in collaborazione con i Comuni cui è legato il suo lascito letterario (Folgaria, Terragnolo, Rovereto).


Indice

Introduzione di Sandro Gentili

pag. 5

LA VITA

pag. 21

UMANITÀ DI CAMPANA

pag. 51

LA POESIA DI CAMPANA

pag. 59

La donna

pag. 61

Il viaggio

pag. 69

Le soste

pag. 84

La Chimera

pag. 94

La Notte

pag. 97

Arabesco-Olimpia

pag. 103

CONCLUSIONE

pag. 107

NOTA BIBLIOGRAFICA

pag. 111